10 idee (e anche più) per Minturno

IMG_0890

Ho messo a disposizione della lista Il Giglio e della coalizione Primavera Minturnese il mio modestissimo contributo per le elezioni amministrative di Minturno.

È per me un piacere, un onore e una responsabilità dare una mano all’amico Italo Erminio di Nora, al candidato a Sindaco Francesco Valerio e all’intera coalizione.

Il Giglio è la lista civica che nasce dall’impegno di Dario Vassallo, fratello di Angelo Vassallo, sindaco pescatore del PD ucciso a Pollica nel 2010. Da sei anni Dario e il fratello Massimo girano l’Italia in nome di Angelo, parlando di legalità e di ambiente.

Anche a Minturno c’è bisogno di tornare a parlare di legalità e di ambiente. Ma non solo.

Nel 1993 Minturno visse la prima elezione diretta del Sindaco. Era anche la prima campagna elettorale alla quale ho partecipato e durante la quale mi spesi a sostegno del compagno Ciccio Sparagna. Già all’epoca Ciccio insisteva su un punto che spiegava con un paragone: se in una azienda si portano i libri contabili in tribunale i dirigenti di quella azienda si dimettono, vengono cacciati, vanno via. E invitava gli elettori a cacciare una classe dirigente che aveva, già all’epoca, portato Minturno al disastro finanziario, politico, culturale, amministrativo.

Sono passati 23 anni dal quel 1993 e mi sembra che la situazione non sia cambiata di una virgola. Anzi si, è cambiata in peggio. Ancora oggi una classe dirigente, tutta, che ha governato il Comune di Minturno negli ultimi anni, o che è appartenuta a filiere di governo che legano Regione-Provincia-Comune, chiede nuovamente fiducia agli elettori nonostante i disastri finanziari, politici, culturali, amministrativi. Chiede nuovamente la fiducia benché abbia sottratto alle cittadine e ai cittadini di Minturno il bene più prezioso: la libertà di scegliere. Perché un elettorato tenuto ostaggio dello scambio tra voti e favori, un sistema che si alimenta della commistione tra interessi pubblici e privati finisce per togliere alle persone la dignità.

Io spero che da queste elezioni arrivi finalmente un segnale forte di speranza per il recupero della libertà e della dignità delle cittadine e dei cittadini.

Minturno è stato spesso laboratorio politico che ha anticipato tendenze nazionali, e anche in questa tornata elettorale tale vocazione sembra confermata, nel male e nel bene. Nel male (politico, sia chiaro) della coalizione PD-centrica che è già Partito della Nazione. Nel male (sempre politico) delle destre divise in quattro ma pronte a riunirsi in nome della ri-conquista del potere. Nel male (vedi sopra) del M5S chiuso nel suo splendido isolamento, timoroso di contaminarsi con chiunque.

E nel bene di un laboratorio a sinistra che, a livello locale come a livello nazionale, prova a costruire una comunità di donne e uomini, di giovani e meno giovani che provengono da storie diverse ma che hanno un obiettivo comune: mettere al centro del dibattito politico le persone, i beni comuni, l’ambiente, la legalità.

Condivido in pieno, quindi, il percorso della coalizione Primavera Minturnese e sposo in toto il programma del candidato a Sindaco Francesco Valerio e della lista Il Giglio.

Mi permetto di personalizzare qualche punto programmatico.

Se avessi l’opportunità di partecipare alla vita amministrativa del Comune metterei al primissimo posto l’attenzione per il mare, la sua pulizia, la sua fruibilità, il suo corretto utilizzo. Poi la culturaE quindi mi spenderei (non necessariamente in questo ordine) per:

1. Realizzare il progetto della pista ciclabile elaborato dal CoSMoS

2. Promuovere progetti scolastici di educazione al rifiuto dell’omofobia, della transfobia, della discriminazione sulla base di orientamento sessuale e religioso

3. Sottrarre alla SOES la gestione dei parcheggi e rimodulare la sosta tariffata

4. Far uscire il Comune da Acqualatina

5. Inserire il comprensorio archeologico di Minturnae e il centro storico di Minturno nei circuiti internazionali della crocieristica

6. Introdurre la raccolta differenziata porta a porta

7. Installare illuminazione pubblica a LED e impianti fotovoltaici su tutti gli edifici pubblici

8. Realizzare una catena di alberghi diffusi su tutto il territorio comunale per elevare il livello di domanda e di offerta turistica

9. Liberare il territorio comunale delle slot-machines e dalle sale scommesse

10. Coinvolgere le facoltà di architettura degli atenei di Roma e Napoli per elaborare un progetto di recupero delle SIECI, sottratte finalmente all’ISMEF

Poi si potrebbe continuare con il rilancio dell’edilizia conservativa, residenziale e scolastica, la qualità dei servizi dell’amministrazione, il wi-fi gratuito e libero per tutti, la fruibilità del verde pubblico, la sicurezza delle strade. E di sicuro ho dimenticato qualcosa.

Buon voto a tutte e a tutti.

Loading Facebook Comments ...

Rispondi