Archivio mensile:aprile 2011

Lo stato confessionale nella mente del puttaniere

Qualcuno sa dirmi che differenza c’è tra l’Italia e l’Iran? Tra Berlusconi che afferma di voler introdurre nel proprio ordinamento giuridico norme che non siano in contrasto con tradizione cristiana e Ahmadinejad che introduce nel proprio ordinamento giuridico norme che non siano in contrasto con tradizione musulmana? Cosa cambia, la presunzione di superiorità del Cristianesimo rispetto all’Islam? Al netto di puttanesimi e amenità varie, s’intende.

 

Primo Maggio, CGIL e feste comandate

Come avviene da qualche anno a questa parte, all’avvicinarsi della ricorrenza del Primo Maggio inizia a montare la polemica in merito all’apertura dei negozi nel giorno della Festa dei Lavoratori. Quella immensa piazza virtuale (ma nemmeno tanto virtuale) che è FB mi ha dato, nei giorni passati, la possibilità di confrontarmi sul tema con qualche amico, tra tutti Gianclaudio e Giuseppe. 

Una premessa obbligatoria: sono contrario all’apertura dei negozi il Primo Maggio (e non solo, come spiegherò tra un pò). Dovevo comunque a Gianclaudio una risposta, visto che la discussione, ovviamente, si era allargata, e non poco. Soprattutto si era arrivati a porsi la domanda se il sindacato (e, nello specifico, la CGIL) avesse titolo a parlare di difesa dei lavoratori, visto la netta opposizione espressa in merito all’apertura dei negozi nel giorno della Festa dei Lavoratori, o se, piuttosto, la posizione assunta da Susanna Camusso fosse un NO ideologico profferito da chi, nei fatti, finisce per occuparsi in maniera marginale proprio di quei lavoratori maggiormente interessati dall’apertura degli esercizi commerciali il Primo Maggio.  Commessi spesso giovani, precari, in nero, senza tutele. Magari da contrapporre a chi un contratto ce l’ha ed è sempre in cima ai pensieri del sindacato: metalmeccanici, statali, ferrovieri. O da contrapporre ai pensionati. Lo SPI-CGIL, quelli si che sono una forza.

Dico la mia, dunque. Che il sindacato, e quindi anche la CGIL, non abbia più l’autorevolezza e la forza di qualche lustro fa è un dato di fatto.  Certo, ha pesato la lentezza con la quale si è capito (e il percorso non si è ancora compiuto) che il mondo del lavoro stava evolvendo in maniera inesorabile in direzione di un massiccio ricorso a lavori atipici, il che necessitava di ripensare in maniera nuova (e se vogliamo, flessibile anch’essa) ai rapporti con le associazioni datoriali e con i lavoratori stessi. Si è capito tardi quanto fosse decisivo, per un sindacato che vuole essere al passo con le necessità del mondo del lavoro, dare rappresentanza a chi rappresentanza non ne aveva. Una massa informe di giovani, spesso scarsamente politicizzati, che quindi rappresentavano un bacino poco appetibile in un’ottica di collateralismo con le forze politiche di riferimento. Meglio continuare a coccolare chi, pur nella durezza del proprio lavoro, le tutele previste da un contratto nazionale le aveva già. Una strategia che ha comunque mostrato i suoi limiti, visto i risultati delle recenti elezioni politiche nei distretti industriali. Operai che votano a destra, che votano Lega, magari con la tessera della CGIL in tasca. E comunque è bene che il sindacato faccia il sindacato, e non politica. La mancata unità sindacale, tanto auspicata ma nei fatti impraticabile, con CISL-UIL-UGL ridotte a zerbino del governo di centrodestra e CGIL sulle barricate, ha probabilmente reso ancora più inviso il sindacato agli occhi dei lavoratori. Poi c’è il cattivo sindacato, quello rappresentato da delegati che predicano bene e razzolano male, privilegiati che fanno il bello e il cattivo tempo nelle pubbliche amministrazioni: raccomandazioni, difesa di lavoratori indifendibili, mantenimento dei privilegi a danno di chi è senza tutele. Tutto vero. Nella mia piccolissima esperienza personale ho visto tutto ciò e non ne sono stato contento. Affatto. Però.

Però non è vero che la CGIL abbia abbandonato i lavoratori precari e atipici. C’è il NIDIL-CGIL che, da quanto ho potuto toccare con mano, ha fatto e continua a fare molto per chi, fino a poco tempo prima, era privo di rappresentanza  e di diritti. Anche scontrandosi con le altre categorie presenti nella stessa CGIL. A Roma, la mia città, non si contano le realtà nelle quali il NIDIL è a fianco dei lavoratori precari non a chiacchiere, ma sostenendo azioni legali, vertenze collettive, scioperi, occupazioni, e spesso ottenendo buoni risultati. Certo, non è facile, per un sindacato, entrare in un luogo di lavoro, a maggior ragione se già presidiato da altri sindacati. E allora sono i lavoratori a doversi rendere conto che senza sindacato non c’è tutela, ma solo una contrattazione ad personam che rende tutti più deboli, esattamente ciò che le aziende vogliono. Si teme di imbattersi in cattivi sindacalisti? Allora bisogna iniziare a partecipare direttamente, a metterci la faccia, a votare nelle elezioni delle RSU e dei rappresentanti dei precari. E scegliere delle facce nuove che aiutino il sindacato ad essere migliore rispetto a quello che oggi è. Esattamente come deve avvenire per la politica. Non è il momento di tirarsi indietro.

Il resto, sono chiacchiere. Renzi contro la Camusso, la Camusso contro Renzi. La CGIL che non fa il sindacato. Chiacchiere. Ci si impegni per cambiarlo, il sindacato, se com’è adesso non ci piace. Ma nella consapevolezza che senza sindacato i lavoratori sono più soli e quindi più deboli, più ricattabili.

Detto questo, quindi, il riposo nel giorno del Primo Maggio è, per me, sacrosanto. Ma dovrebbe esserlo anche e soprattutto per  motivi non strettamente “sindacali”. La situazione economica del Paese rende appetibile, per i negozianti, qualunque occasione per aumentare i propri introiti. Ma è possibile misurare lo stato di salute di una nazione con il solo metro del consumo? I ritmi di vita della società moderna, soprattutto nelle città medio-grandi, impongono la necessità di prevedere giorni e orari di apertura dei negozi che vadano incontro alle esigenze di chi, durante la settimana, non può dedicarsi agli acquisti. Però mi chiedo: è proprio necessario consumare dei beni anche la domenica e i giorni di festa? Già nel 1968 Roberto Kennedy si chiedeva se il PIL potesse riassumere la felicità di un popolo.  Da ateo chiedo ai cattolici: ma la domenica non è il giorno del Signore? Non possiamo utilizzare la domenica, Natale, Capodanno, Pasqua, Pasquetta, Primo Maggio per consumare qualcos’altro? Cultura, ad esempio. Entrando in un museo, oppure in un teatro, oppure in un cinema? Consumare gli occhi, andando in giro per le nostre città e godere della vista di luoghi che normalmente non vediamo. Consumare le parole, riscoprendo relazioni interpersonali. Qualcuno mi dirà che per far ciò ci sarà bisogno di qualcuno che lavori anche nei giorni di festa. Giusto, ma un conto è lavorare per assicurare dei servizi essenziali (nei giorni di festa gli ospedali sono aperti, i mezzi pubblici funzionano, i treni circolano), altra cosa è lavorare per vendere un bene che può essere tranquillamente acquistato il giorno successivo (o forse se ne potrebbe addirittura fare a meno!).

Allora penso che un’amministrazione comunale “illuminata” dovrebbe tener chiusi i negozi il Primo Maggio e favorire, invece, la riscoperta di quella parte di città che sta al di fuori dei circuiti dello shopping. Altrimenti rischiamo di diventare, tutti, dei numeri privi di anima. Numeri con un € davanti. E per quello il PIL già ci basta.

Direttivo PD Minturno

Carissimi tutti, motivi di lavoro mi impediscono di tornare a Roma in tempo per essere presente al direttivo convocato per questa sera. Però desidero esprimere ugualmente il mio pensiero in merito ai punti all’ordine del giorno, nella speranza che le mie parole possano essere utili al dibattito.

Per quanto riguarda eventuali determinazioni da assumere a seguito dell’incontro tra la delegazione del PD e la delegazione della lista civica Volare, immagino che potrebbe essere imminente l’ufficializzazione dell’ingresso in maggioranza dei sui rappresentanti. Pur rendendomi conto del fatto che l’operazione è necessaria per il puntellamento dell’attuale maggioranza, devo comunque manifestare la mia contrarietà. E per un motivo semplice. La lista civica Volare ha sostenuto, alle passate elezioni comunali, il candidato a sindaco di Centrodestra con l’assicurazione, pare, che il prossimo candidato a Sindaco per lo schieramento a noi avverso sarebbe stato Maurizio Faticoni, l’ispiratore nonché esponente di riferimento della lista. Dinanzi ad una presunta rottura del patto a suo tempo stipulato, Faticoni sarebbe tornato a guardare con interesse all’attuale maggioranza. Non c’è bisogno di rammentare a tutti l’evoluzione politica del consigliere Faticoni, prima socialista, poi DS, poi in Forza Italia, poi nel PDL. E non c’è bisogno nemmeno di ricordare come l’evento di ri-lancio della Lista Volare, nella quale il Consigliere Faticoni ha dichiarato di volere creare un coordinamento provinciale delle liste civiche che fanno riferimento al PdL, si è tenuto alla presenza di Giovanni Di Giorgi, candidato a Sindaco a Latina, scelto da Berlusconi in persona, che si oppone al nostro Claudio Moscardelli. Ecco, io penso che tutto ciò abbia un solo nome: trasformismo. E ritengo che il trasformismo sia uno dei mali che affligge la politica italiana. Uno di quei mali che allontanano i cittadini dalla politica e che il PD dovrebbe contribuire ad estirpare.

In merito al secondo punto all’ordine del giorno, credo che il Coordinatore rinnoverà le sue preoccupazioni sulle condizioni economiche del Circolo che potrebbero metterne in discussione la stessa esistenza. Rammento a tutti, anche se non credo che ce ne sia bisogno, che iscritti e rappresentanti del PD nelle Istituzioni hanno l’obbligo di contribuire alla vita economica del Partito secondo le norme statutarie, pena provvedimenti disciplinari che arrivano alla incandidabilità e all’espulsione. Non è possibile ricordarsi di mettere le mani al portafogli solo quando c’è da pagare delle tessere. Mi permetto inoltre di rinnovare la proposta che feci molti mesi fa: i nostri rappresentanti che ricevono degli emolumenti per la loro attività istituzionale, stante il fatto che, a quanto mi consta, hanno tutti un reddito proprio, devolvano l’intero compenso ricevuto al Circolo, al netto delle spese sostenute, piuttosto che attenersi pedissequamente al versamento del 10% previsto dal regolamento provinciale. Credo che ciò basterebbe per tenere aperta la sede del circolo almeno per tutta la consiliatura, se non oltre. Mi scuso ancora per la mia assenza. Un caro saluto a tutti.

Stop al reato di clandestinità

La Corte di Giustizia Europea, finalmente, boccia il reato di clandestinità.

Sobri, come sempre, i commenti degli esponenti della Lega.

“Culturalmente si vuole minare l’identità di una nazione e, dunque, della nostra stessa esistenza come popolo.” (Luca Zaia)

“Tutto il mondo civile – Stati Uniti in testa, ma anche vari Paesi europei – persegue e sanziona penalmente l’immigrazione clandestina e relativi racket mafiosi. Ma la Corte di giustizia sanziona esclusivamente la norma italiana che prevede il reato di clandestinità, con una motivazione che non sta nè in cielo nè in terra. Come mai? Forse perchè in Europa, come ho avuto più volte modo di affermare senza peli sulla lingua, l’Italia non conta un c…. E, allora, cosa ci stiamo a fare in questa Ue?” (Mario Borghezio)

“A questo punto ci adegueremo al patto europeo del 2008 che prevede il termine di trattenimento dei clandestini nei centri di espulsione a 18 mesi”. (Sandro Mazzatorta)

 

Un popolo troppo emotivo

‎37 anni fa avrebbero tentato di affossare il referendum sul divorzio, soste-nendo che gli italiani erano ancora troppo scossi dalla separazione tra Elizabeth Taylor e Richard Burton.

La battuta non è la mia, ma di quel genio del mio cuginetto Andrea. Però è azzeccatissima per descrivere cosa sta succedendo con il referendum sul nucleare. E allora, davvero, decida la Consulta.

Una vera ingiustizia

Povero Scilipoti, dopo tanto affannarsi nemmeno un posticino come sottosegretario.

Colpisce invece la storia politica della Liberaldemocratica Daniela Melchiorre, fra i firmatari insieme a Fli della mozione di sfiducia a Berlusconi nel dicembre scorso, rientrata in maggioranza, sarà destinata al ministero della Giustizia dove già è stata (allora diniana), nel precedente governo Prodi.

Sospensione della democrazia

Nucleare, Berlusconi: “Nessun ripensamento, moratoria solo per evitare referendum”.

Qualcuno aveva dubbi in proposito? Questo è il concetto di democrazia caro al centrodestra italiano. Ne parla l’ottimo Fabio qui. La prossima mossa sarà una moratoria sulle elezioni? Fino a quando dovremo sopportare tutto ciò?