Archivio mensile:aprile 2016

IL BICICLETTERARIO IN FESTA: 14 maggio 2016

PROGRAMMA BICICLETTERARIO IN FESTA

A Minturno si vota, il 5 giugno, per il rinnovo del consiglio comunale e quindi per il sindaco. Nei prossimi giorni posterò qualcosa che riguarda la competizione elettorale vera e propria. Nel frattempo i pochissimi miei affezionatissimi e-lettori possono essersi fatti un’idea del mio orientamento, per le elezioni a Minturno. Se però potessi astrarmi dalla realtà e assegnare un ruolo di guida culturale al comune nel quale sono cresciuto (ahimè non ci sono nato, vulnus imperdonabile!), al quale sono legato e che ancora ospita tanto della mia storia e delle mie radici, allora non avrei dubbi: sceglierei gli amici che animano Il Bicicletterario. Si potrebbero definire pazzi, visionari, demodé, velleitari, comunisti, anarchici, zecche.

E invece per me riassumono quell’idea di decrescita felice che dovrebbe fare breccia nelle nostre esistenze: la cultura, la lettura, la letteratura come mezzo di emancipazione e liberà.

Il rispetto per l’ambiente.

La pace come valore assoluto.

Il tutto riassunto nel simbolo che racchiude e rappresenta tutto questo: la bicicletta. Mezzo di locomozione verde per definizione, che però dà anche l’idea del percorso, della strada (alla Kerouac, on the road), della fatica, del sudore, della condivisione.

Da tempo sostengo che gli amici de Il Bicicletterario sono gli unici che hanno fatto politica a Minturno da mesi e mesi a questa parte. Beh, non sono proprio gli unici. E anche di questo scriverò a breve.

Però loro sul territorio ci stanno tutti interi, e celebreranno il loro impegno il giorno 14 maggio, con la festa che vedrà in campo protagonisti i vincitori del premio letterario, la mostra fotografica, la mostra d’arte, la musica e tanto tanto altro.

Non mancate.

Pulizie di primavera ai tempi dei social (zàcchete)

images

Alle 22:51 del 29/04/2016 Facebook mi dice che ho 2546 amici. Da qualche giorno sto mettendo in pratica un metodo di selezione delle “amicizie”. Non sempre, dipende dall’umore della giornata. Guardo le notifiche dei compleanni del giorno, me le scorro e scopro che qualcuno dei festeggiati non solo non l’ho mai visto in vita mia, ma nel corso della mia esistenza virtuale non ho mai intrattenuto alcun tipo di interazione. E allora zàcchete, cancellato. Non bloccato. Rimosso dagli amici, tecnicamente. Il blocco è riservato a quelli stronzi al quadrato. Personalmente non ho mai bloccato nessuno. Sono stato bloccato per motivi politici da persone che conoscevo fisicamente (una, due?) talmente democratiche da non reggere la critica. Vabbè. Avranno ritenuto che fossi uno stronzo al quadrato. Ê la regola del martello e dell’incudine, sapete com’è. In generale poi non mi piace chi posta foto dei figli, dei nipoti, magari (non sempre, ovvio) per farsi dire quanto sono belli e bravi e fotogenici e skillati. Ma non è un criterio sempre valido. Dipende anche questo dall’umore del momento. Tralasciando quelli/e che postano solo aforismi dei baci perugina e selfie con le labbra a canotto (esiste questo strano fenomeno che ti consente di avere le labbra a canotto anche se non sei andato dal chirurgo plastico di Donatella Versace). In genere do una bella sfalciata ai razzisti, agli omofobi. Poi ci sono quelli che postano foto, che so, mentre partoriscono. Ma caspiterina, è il momento più bello dell’esistenza umana, il venire al mondo. Per la donna, per l’uomo, per la coppia. E tu stai là, a farti fotografare (transeat) e a POSTARE SU FACEBOOK quel momento per condividerlo? Beh, per me hai problemi. E allora zàcchete, via.