Archivio mensile:ottobre 2016

Tra gli insegnamenti del sisma

Gli eventi naturali di queste ore, di queste settimane, colpiscono tutti. Scene terribili di distruzione, di patrimoni umani, artistici, sociali rasi al suolo. Ci sentiamo vulnerabili nelle nostre case, nelle zone più colpite dal sisma ma anche a distanza di chilometri, a Roma, a Firenze, a Napoli, posti alquanto sicuri dove però le persone sono ugualmente scosse. Vivi quei secondi come un tempo sospeso, nella speranza che non si ripeta, ma sapendo che un po’ delle tue certezze, per non si sa quanto, sono venute meno.

In queste ore ho pensato a tutte le persone costrette ad abbandonare le case, le terre dove hanno vissuto una vita intera. Con la speranza e la determinazione di ricominciare daccapo dopo aver perso tutto, e con la paura di non farcela a rialzarsi.

Però mi è venuto da pensare anche a chi, lontano da noi, convive ogni giorno con la paura, quella provocata non dalla natura, ma dall’uomo. Chi teme ogni minuto una nuova scossa, e un nuovo crollo, vive con la stessa angoscia di chi teme un nuovo bombardamento, e un nuovo crollo. O una nuova carestia, o un nuovo dittatore che uccide. E così queste persone, impaurite come se non più di noi, non avendo alcuna protezione civile, o stato per come siamo abituati ad intendere il concetto di stato in larga parte dell’occidente, fuggono per provare a vivere senza più paura, sperando di poter ricostruire e tornare. Così come le persone colpite dal sisma sono costrette a fuggire, sulla costa, dai parenti, nutrendo la medesima speranza.

Sono profughi allo stesso modo.

Ecco, nutro la speranza (illusione?) che il sisma insegni a chi vive con angoscia questo tempo ad essere maggiormente compassionevole nei confronti di chi raggiunge il nostro paese, dopotutto, spinto dalla stessa angoscia, paura, speranza.

Chi l’ha detto?

«Perché vedete, e vorrei sottolinearlo, sarebbe del tutto infondato il sostenere o il lasciar intendere che nel passato il Parlamento sia rimasto chiuso in un atteggiamento di pura conservazione, di statica e retorica difesa della Costituzione del 1948».

«Il contrasto che ha preso corpo in Parlamento da due anni a questa parte e che si proporrà agli elettori chiamati a pronunciarsi prossimamente nel referendum confermativo non è tra passato e futuro, tra conservazione e innovazione, come si vorrebbe far credere, ma tra due antitetiche versioni della riforma dell’ordinamento della Repubblica: la prima, dominata da una logica di estrema personalizzazione della politica e del potere e da un deteriore compromesso tra calcoli di parte, a prezzo di una disarticolazione del tessuto istituzionale; la seconda, rispondente a un’idea di coerente ed efficace riassetto dei poteri e degli equilibri istituzionali nel rispetto di fondamentali principi e valori democratici.

La rottura che c’è stata rispetto al metodo della paziente ricerca di una larga intesa, il ricorso alla forza dei numeri della sola maggioranza per l’approvazione di una riforma non più parziale, come nel 2001, ma globale della Parte II della Costituzione, fanno oggi apparire problematica e ardua, in prospettiva, la ripresa di un cammino costruttivo sul terreno costituzionale; un cammino che bisognerà pur riprendere, nelle forme che risulteranno possibili e più efficaci, una volta che si sia con il referendum sgombrato il campo dalla legge che ha provocato un così radicale conflitto».

Potete scoprirlo qui.

Ignazio Marino persona per bene

Sulla vicenda Marino all’epoca M5S hanno fatto gli sciacalli, roba che se tanto mi da tanto Paola Muraro starebbe a casa da un pezzo (anzi, nemmeno avrebbero dovuto nominarla assessore). Il PD, invece, ha mostrato tutta la pochezza dei suoi dirigenti cittadini (quanto sangue amaro quei pochi militanti che hanno sempre lottato per un partito diverso!) e la spregiudicatezza di Renzi. Che ha ordinato ai consiglieri di recarsi dal notaio (pena la mancata ricandidatura) e defenestrare Marino per un bieco calcolo: provare a far vincere M5S nella speranza che dimostrassero la loro incapacità a governare per poi giocarsi i loro (eventuali) fallimenti sulla scena nazionale (nella peggiore delle ipotesi avrebbe vinto Giachetti). Mi sa che si è fatto male i calcoli. Il tutto sulla pelle di Roma e dei Romani. Che statista, veh?

Bruce Springsteen e io

Bruce Springsteen è entrato nella mia vita nel 1984 e sta ancora qua, con me. Sempre grazie a Giorgio, che da Caserta spacciava nella mia camera audiocassette sulle quali era registrata pressoché tutta la musica che ha segnato la mia vita (all’heavy metal ci avrebbe pensato Francesco, che se n’è andato via troppo presto).

Ma Bruce qualcosa di oltremodo speciale.

A 16 anni strimpellavo le sue canzoni con Emiliano “belivin’ we could cut someplace of our own with these drums and these guitars” nella consapevolezza che “someday these childish dreams must end to become a man and grow up ti dream again”. E, ragazzi miei, è proprio così.

Sento Scooter come il fratello maggiore che non ho mai avuto, uno di quelli che c’è sempre quando ne hai bisogno. Per mezzo delle sue canzoni, che mi danno ESATTAMENTE le stesse emozioni (brividi, pelle d’oca, lacrime, gioia infinita) di 30 e un po’ anni fa.

In questi giorni è uscita la sua autobiografia. Non poteva che avere il titolo Born to Run.

20161005_155739

Leggendo le sue stesse parole riesci a dare un senso ancora più profondo alla sua musica, alle sue storie, al suo dare tutto sul palco. Leggete qui:

20161005_075317

Vi consiglio di leggerla la sua autobiografia. Che vi piaccia o no la sua musica. Capirete cosa spinge ancora quest’uomo di 67 anni a suonare per 4 ore e passa senza risparmiare un solo briciolo della sua forza. Capirete da dove viene quella forza. Da quale tormento, da quale autostima, da quale passato, da quale insoddisfazione, da quali mostri, da quali certezze. Quelle di tutto noi, in fondo.

Tre parole su tutte: cuore, amore, anima.

20160718_121119

Sono felice di aver condiviso, negli anni, i suoi concerti con uno dei miei fratelli di sempre (abbiamo ascoltato mano nella mano The River a Napoli, a Milano, a Roma!), e sono contento di aver condiviso questo amore (your love is real, and our love is real too!!) con la mia famiglia.

Grazie Bruce, fratello mio.