Archivio mensile:novembre 2016

L’amore di Gianclaudio

È difficile trovare le parole quando arrivano improvvise notizie che ti spaccano il cuore in due.

Ciascuno di noi porterà con sé un pezzo di Gianclaudio e se lo terrà ben stretto.

C’è una tristezza immensa in queste ore, però sento anche di essere felice per averti avuto con noi, Gianclaudio, che hai messo in circolo gioia di vivere, passione, rigore morale, allegria, sorrisi.

Ma soprattutto hai messo in circolo tanto amore, quello che ci hai dato in mille manifestazioni diverse e quello che proviamo per te.

Penso a Patrizia e Pasquale, e tu non potevi che essere venuto al mondo da due persone così.

Penso al loro dolore, e vorrei che il nostro amore per te, Gianclaudio, arrivasse anche a loro, nella speranza che riesca, almeno un po’, a riempire questo vuoto enorme.

Tu, nel frattempo, continua a lottare con noi, che di te abbiamo davvero bisogno.

Ciao, compagno.

Il Bicicletterario non si ferma più

Più che una bicicletta, inizio ad associarli ad una locomotiva, di gucciniana memoria. Che corre incontro alla cultura, al rispetto dell’ambiente, alla riscoperta della natura. Altro che decrescita felice. Questa è una crescita collettiva felicissima, basta vedere i volti e ascoltare le parole delle persone che con entusiasmo hanno partecipato alla presentazione della terza edizione del premio letterario dedicato alla bicicletta.

Troverete il racconto della giornata di presentazione, che si è tenuta il 6 novembre scorso nel fantastico scenario dl museo archeologico dei Minturno, qui.

Che dire, mettete i pedali alla vostra fantasia e inviate le vostre opere, una giuria appassionata e competente riuscirà a venirne fuori, ma voi rendete loro il compito difficile!

E infine, come al solito, un ringraziamento sincero agli organizzatori che da anni, con rara passione, fanno cultura a 360°in un terriotrio difficile.

Questa voglio raccontarvela

Poi fatene ciò che più vi pare.

Stamattina invio una e-mail al Presidente e all’assessore ai lavori pubblici del III Municipio, Roberta Capoccioni e Maria Patrizia Brescia, per segnalare la possibilità di migliorare i collegamenti tra Via della Bufalotta, Via delle Vigne Nuove e Porta di Roma attraverso la realizzazione di due viabilità molto brevi su terreni sostanzialmente liberi.

In verità avevo segnalato già la cosa nel dicembre 2014 al precedente presidente del Municipio, Paolo Emilio Marchionne, il quale mi aveva molto cortesemente risposto spiegando che uno dei due interventi era effettivamente previsto dal PRG e che sarebbe stato realizzato nel corso del 2015. Poi le cose sono andate come sono andate e ovviamente dell’intervento nessuna traccia.

Un paio d’ore dopo aver inviato l’e-mail mi arriva una telefonata da un numero che non conosco e dall’altro capo c’era l’assessore Brescia che mi chiamava per chiedermi spiegazioni sul mio messaggio.

Niente di eccezionale, direte voi, però vi chiedo a quanti sia capitato di ricevere risposte in tempi così celeri e di persona personalmente (a meno di conoscere bene bene la persona in questione). Ovviamente l’assessore non ha detto nulla sulla fattibilità di quanto segnalato, lamentando la mancanza di fondi e la necessità di dare priorità alla manutenzione dell’esistente. Ok, nessun problema. Però, voglio dire, la telefonata mi ha fatto piacere, mi ha fatto ben sperare e quantomeno è un segnale di attenzione verso la segnalazione giunta da un cittadino sconosciuto qualsiasi (fino a stamattina ignoravo il nome dell’assessore ai lavori pubblici del mio municipio).

Poi, ripeto,  di quanto descritto fatene ciò che volete.

Buone cose a tutti.

 

CUCPD

ultra-del-genoa

Anni fa esisteva (non so se esista ancora, non sono tifoso della Roma) il CUCS, Commando Ultrà Curva Sud. Ieri, e nei giorni passati, abbiamo invece visto all’opera alla Leopolda di Firenze il CUCPD, Commando Ultrà Curva Partito Democratico. Al grido di “fuori, fuori”, penso si sia consumata una delle pagine più brutte di un partito che da tempo ha smesso di essere democratico. Ricordo una delle ultime grandi manifestazioni che tenne il PD a Piazza San Giovanni, sarà stato il 2008, o il 2009, e il grido che si levava dalla folla di militanti era “unità, unità”. Adesso si urla “fuori, fuori” a chi dissente. Con somma gioia dei presenti e soprattutto del capo ultrà,  gongolante come non mai dopo aver aizzato ben bene la folla.

Il nemico è identificato, e ancora una volta diventa chiaro il significato del referendum: “Il 4 dicembre la vecchia politica vuole vincere per tornare. La partita è tutta lì”.

Occorrerebbe capire cosa sia la vecchia politica. Alla prima Leopolda si aggiravano tra il pubblico personaggi e personaggetti che, noncuranti dalle critiche che venivano da alcuni interventi rivolti proprio a loro, portatori sano di correntismo, clientelismo, mancato rispetto delle regole e dello statuto, iniziavano a progettare la salita sul carro. Che è puntualmente arrivata. Poi sono arrivati i Bersaniani pentiti, magari in politica da 10, 20 o 30 anni (nuovissimi, senza dubbio), desiderosi solo di salvare la propria poltrona, o così o a casa, al prossimo giro. Poi si sono aggiunti i fuoriusciti da Forza Italia, dall’UDC, dal CCD, da AN, da SEL, personaggi e personaggetti che hanno fatto carne di porco sui territori, ma portatori di voti, a carrettate.

E così diventa nuovo ciò che sta con me, e vecchio chi sta contro di me. Una semplificazione da troglodita della politica, da ultrà istituzionale. Appunto.