Archivio mensile:ottobre 2018

La segregazione razziale a Lodi. A.D. 2018

Sia chiaro, a Lodi, nella civilissima Lombardia, nella civilissima Italia, non si sta combattendo, sulla pelle dei bambini, una guerra ai furbetti, come dice il ministro della malavita, che non pagano la mensa scolastica.

No.

Sta accadendo che pur di introdurre la segregazione razziale la Sindaca,  e già il fatto che sia una donna a mettere in atto questo schifo mi fa ancora più schifo, ha ordinato che i figli dei migranti che frequentano la scuola debbano sottostare a regole assurde. Premessa d’obbligo è che se un migrante manda i figli a scuola significa che è una persona che lavora, che ha una casa, che produce un reddito regolare, certificato.  È una famiglia che sta provando ad integrarsi nel nostro paese. Quindi a Lodi ai migranti, ai fini del calcolo ISEE, si chiede anche di produrre certificazione che attesti il fatto che nei loro paesi di origine non abbiano altri redditi o immobili. Come se sia pensabile, con tutto il rispetto, che in Senegal, in Congo, in Eritrea, esistano degli uffici funzionanti che possano rilasciare tali attestazioni. E quindi, senza documentazione, alle famiglie di migranti viene applicata la tariffa più alta prevista per usufruire della mensa. E siccome queste famiglie non possono permetterselo, allora i loro figli sono costretti a portarsi il pasto da casa, e a consumarlo separatamente dai bambini italiani.

Una barbarie totale. Sulla pelle dei bambini.

All’ospedale Bambin Gesù di Roma, che ultimamante mi capita di frequentare, c’è una cartello che recita così: il grado di civiltà di un Paese si misura da come si occupa dei bambine.

Ecco, l’Italia sta diventando un paese incivile, Razzista. Xenofobo. Fascita. Nazista.

Padroni a casa nostra (ma con le pezze al culo)

Checché ne dicano gli esponenti di M5S, che giorno dopo giorno negli equilibri del governo continuano a contare meno dello sputo di un lama in un lago andino, il disegno  leghista appare abbastanza chiaro. Il sempre più stretto legame tra il fascista Salvini e la nazista Le Pen, che lanciano l’ossimoro sovranista internazionale, ha come unico scopo quello di far saltare l’Europa e l’Euro per tornare alle monete nazionali, alle banche degli stati, all’autarchia economica, politica e finanziaria.

Tutti bravi, nella compagine governativa, a sbraitare contro i mercati che non capiscono, che speculano, che affossano. Accomunando, tra l’altro, istituzioni europee e mercati finanziari, come se fossero un’unica entità. Forse molti, invece, non hanno capito, o fanno finta di non capire, che anche le monete nazionali sarebbero esposte ai mercati. Non è che esci dall’Euro e puff, come per miracolo, i mercati non esistono più.

Chi sono i mercati? Ci sono banche, investitori istituzionali, fondi pensione, speculatori. Cosa fanno? Investono, comprano titoli, e soprattutto finanziano il debito dei Paesi tipo l’Italia che hanno bisogno di soldi per funzionare. Se ritengono che il soggetto al quale hanno prestato i soldi abbia difficoltà a restituirli, i soldi te li danno lo stesso ma chi riceve dovrà pagare interessi maggiori. Questi sono i mercati. Come si può ovviare a questa semplice regola di economia che anche i bambini capiscono? I soldi te li fabbrichi in casa. Stampi moneta. Eliminata la BCE, le banche nazionali iniziano a immettere liquidità. a vagonate. E per la legge della domanda e dell’offerta, se in giro c’è molta disponibilità di un bene, qual bene vale meno. Ecco che la nostra Lira, Liretta, si svaluta, l’inflazione sale, il potere d’acquisto scende, ma che ce frega? Padroni a casa nostra. Sicuri? Potrebbe anche arrivare qualche amico che ti dice: tranquillo, i soldi te li do io. Un personaggetto alla Putin, per dire. Amico degli amici. Oppure i tanto odiati cinesi (signora mia se stanno a compra’ tutto!), che magari col tempo potrebbero acquisire a prezzi stracciati pezzi dello stato (asset, imprese), pare che fanno qualcosa per niente, quelli.

Insomma, vedo in giro nostalgici delle tempeste monetarie, della svalutazione del 1992, del debito pubblico esploso, del volemose bene, del fàmo come cazzo ci pare. Saranno guai per tutti, e soprattutto per le generazioni future.