Almeno le feste comandate

20170427_190018

Quelle laiche e quelle non laiche.

Che ormai le domeniche, tutte le domeniche, i negozi siano, o possano, essere aperti lo diamo per acquisito. Il logorio della vita moderna ci impone, o ci rende comodo poter fare acquisti durante il fine settimana. Diamo per scontato che durante i giorni di festa ci siano persone che lavorino per assicurare a noi tutti servizi essenziali: sicurezza, sanità, farmacie, trasporti, emergenze.

Che il piccolo commerciante, poi, decida di tenere aperto anche durante i giorni di festa ci può anche stare, è una sua scelta aprire o meno.

Ma quello che mi chiedo è quale servizio essenziale possa garantire un centro commerciale o una enorme catena di distribuzione tenendo aperto il giorno di Natale, il giorno di Pasqua, il 25 Aprile, il Primo Maggio, il 15 Agosto (di questi giorni sto parlando). Quale bisogno impellente di comprare, o di guardare le vetrine può avere una persona normale in quei giorni lì? E che libertà di scegliere hanno i lavoratori dei centri commerciali, pur guadagnando qualcosa in più (sempre che le aziende si comportino in maniera corretta?)

 

 

Loading Facebook Comments ...

Rispondi