Chiedere scusa (le parole non dette)

“Chiedo scusa.

Chiedo scusa ai giovani che sono costretti a lasciare il nostro Paese anche se hanno studiato,  se sono creativi, se hanno desiderio di mettersi in gioco perché  li abbiamo considerati choosy, o bamboccioni,

Chiedo scusa ai ricercatori universitari, a chi aspira ad una carriera accademica, costretto ad aspettare il proprio turno portando borse al barone di turno.

Chiedo scusa agli insegnanti perché non li abbiamo messi in condizione di dare il meglio di sé, perché abbiamo svilito il loro lavoro, la loro autorevolezza. E agli studenti, perché abbiamo fatto assaggiare loro, con lo sfruttamento dell’alternanza scuola-lavoro, quello che aspetta loro nel mondo del lavoro. E alle loro famiglie, costrette a comprare la carta igienica, mentre le scuole cadono sulle teste dei loro figli.

Chiedo scusa agli operai, perché abbiamo consentito che i loro diritti venissero sacrificati con il ricatto occupazionale, mentre i loro padroni delocalizzavano, o trasferivano le sedi fiscali delle società all’estero.

Chiedo scusa a tutti i lavoratori precari, fattorini, turnisti, pulitori, medici, personale paramedico, professori, ricercatori, manovali, contadini, per non aver permesso loro di pianificare con certezza la propria esistenza, di mettere su famiglia, di guardare con fiducia al futuro.

Chiedo scusa agli imprenditori onesti, quelli che innovano, quelli che considerano i loro lavoratori come il bene più prezioso che esista, da salvaguardare e non da sfruttare, per averli considerati alla stregua di tutti gli altri.

Chiedo scusa alle Partite IVA, anche quelle mascherate da lavoratori dipendenti, perché non abbiamo capito nulla del loro mondo.

Chiedo scusa a chi paga le tasse, per non essere riusciti ad abbattere la maggior fonte di concorrenza sleale del nostro paese.

Chiedo scusa ai risparmiatori, perché non siamo stati capaci di tutelarli mentre per convenienza abbiamo consentito alle banche di fare quello che volevano.

Chiedo scusa agli immigrati, per non essere stati capaci di creare vera integrazione, di impedire di additarli come usurpatori di diritti agli occhi di chi è stato colpito dalla crisi di questi anni.

Chiedo scusa a chi ogni giorno promuove la cultura della legalità, perché troppo spesso abbiamo utilizzato questa parola a seconda delle nostre convenienze.

Chiedo scusa a chi ogni giorno perde ore e ore della propria vita in mezzo al traffico, su mezzi pubblici obsoleti, su reti metropolitane inadeguate, su ferrovie locali trascurate, per non aver pianificato una strategia di trasporti degna di un paese moderno.

Chiedo scusa a chi ogni giorno si ammala a causa dell’inquinamento, a chi soffre per l’incuria del territorio, a chi rischia la vita per frane e inondazioni, a chi non riesce a godere delle bellezze del mare perché non ci siamo presi cura dell’ambiente come avremmo dovuto.

…”

Queste sono le parole che ancora non ho sentito da alcun dirigente di un partito di sinistra, di centrosinistra. Condizione necessaria ma non sufficiente per provare a riconquistare la fiducia degli elettori che se ne sono andati.

Chiedere scusa.

Loading Facebook Comments ...

Rispondi