E poi lo chiameremo BC anziché PD

Il dibattito sulla lista civica nazionale si fa sempre più animato. Ne parlano Francesco e Pippo, per citarne due a caso. Personalmente ritengo che il PD dovrebbe essere di per sè una lista civica, nel senso che dovrebbe aprirsi senza paure alla contaminazione da parte della società civilissima e accogliere nelle proprie liste tutte quelle persone che vorrebbero, invece, dar vita alla lista civica nazionale. Selezionando donne e uomini con le primarie. Del resto, non ci hanno raccontato che il PD è nato per questo? Che senso avrebbe raggruppare la società da una parte e i politici dall’altra? Tra l’altro, una operazione del genere rischierebbe di ridimensionare il PD e di parecchio, visto l’appeal attuale dei partiti politici. A meno che i soliti noti non vogliano rimanere a fare i galli n’copp’ a munnezza nella Bad-Company. Una tristezza infinita. Non mi sfugge, poi, che il Gruppo Editoriale L’Espresso abbia fatto politica, a suo modo, negli ultimi anni. Certamente nel Paese, meno nelle istituzioni. E in maniera positiva, aggiungo. Ma sostituire un editore con un altro, al Governo del Paese, mi sembra eccessivo.

Loading Facebook Comments ...

Rispondi