Any given friday (ovvero dello sciopero generale)

sciopero-generale-1

Seguo abbastanza allibito le polemiche sullo sciopero generale proclamato per venerdì 5 dicembre.

Maledetto venerdì.

Due parole, sul piano strettamente politico, le ha dette l’amico Gianpaolo:

“Io capisco i renziani-renziani. I fighetti alla Serra che lo sciopero lo vorrebbero abolire o limitare, quelli che in realtà hanno fatto molti “ponti” nella loro vita ma non sanno cosa sia perdere una giornata di salario, con la crisi che morde. E’ la loro natura, non possono cambiarla.
Ma quelli acquisiti, quelli che fino a ieri in piazza ci scendevano, quelli che si definivano “di sinistra”, beh, quelli mi fanno un po’ schifo e anche un po’ paura.”

Aggiungo: quale sarebbe il vantaggio per la CGIL, e per il lavoratori, scioperare di venerdì? Il ponte? Cioè, per fare un giorno di vacanza in più un lavoratore, di questi tempi, rinuncerebbe senza colpo ferire ad una giornata di lavoro, che in busta paga fanno sempre 60-100 €? Come dire, bruciarsi un mese di 80€ renziani per far sega al lavoro? Ma non sarebbe più furbo prendere un giorno di ferie, come in effetti molti, di quelli meno sindacalizzati, fanno? E la CGIL, cosa ne guadagnerebbe, forse milioni di aderenti allo sciopero? E come si fa, se le aziende sanno benissimo quali siano i giustificativi che i lavoratori utilizzano per il giorno di assenza?

E poi consentitemi: si dice che il sindacato non deve fare politica, che non può permettersi di contrattare con il governo le leggi, se vuole può farsi eleggere in parlamento. Si chiama disintermediazione, che è l’opposto della concertazione. Si dice anche che lo sciopero è uno strumento obsoleto. Ma allora i lavoratori quali strumenti hanno per far sentire la propria voce?

Una gara di peti a Piazza San Giovanni? Le mazzate? Andare in giro con il culo di fuori? Attaccarsi un cartello in fronte con su scritto fate di me quello che volete?

Oppure, davvero, si sta facendo strada l’idea che i diritti sono le elemosine che il tuo datore di lavoro, forte delle pseudo-riforme in vista all’orizzonte ti concede, perché l’imperativo è produrre con un costo del lavoro sempre più basso, e vinca il più forte?

Ma l’idea che un lavoratore scioperi per difendere i diritti di tutti noi, proprio no, veh? Molto meglio mettere i lavoratori gli uni contro gli altri.

Divide et impera.

Loading Facebook Comments ...

Rispondi