Guardare oltre il 2013

Pensieri lunghi.

Come sarà l’Italia tra cinque anni? E come vorremmo che fosse?

Perché la campagna elettorale del 2013 è in realtà la campagna del 2018, anche se si vive sulla dichiarazione del giorno prima.

Tra cinque anni vorremo un Paese dei promettenti o dei conoscenti? Di sudditi-a-caste o di cittadini? Di soli uomini o di donne protagoniste (che poi lo sono già soli che non è loro riconosciuto)? Di alta formazione o di sotto cultura? Di una politica pervasiva (e invasiva) o capace di stare al proprio posto, che è “al servizio”? Di processi che durano più di una legislatura o di una giustizia che risponde in tempi certi e utili?

Voteremo per chi ci assicura di governare in una relazione quotidiana con gli elettori? Voteremo ancora per mille parlamentari scelti da qualcuno o cinquecento scelti da noi? Ci saranno ancora più di ottomila Comuni in regime di separazione o bacini amministrativi più efficienti e razionali? Ci sarà ancora la spending review o la spesa sarà stata rivista?

 

Loading Facebook Comments ...

Rispondi