Il nostro dovere nei confronti dei martiri di mafia

Non sono riuscito a trattenere le lacrime nel visitare, stamattina, le stanze del Tribunale di Palermo nelle quali hanno lavorato Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e uno dei loro collaboratori, Giovanni Paparcuri, che ci ha fatto da cicerone. Dotazioni informatiche, lettere, faldoni, bobine, assegni, papere, calendari, borse, appunti, fotografie, aneddoti e un tenerissimo biglietto che Francesca Morvillo scrisse al suo Giovanni e che il suo amato non ha fatto in tempo a leggere.

20170830_100906

L’ingresso del bunker

 

 

La scrivania di Giovanni Falcone

La scrivania di Giovanni Falcone

La scrivania di Paolo Borsellino

La scrivania di Paolo Borsellino

A volte penso che non siamo stati capaci di meritarcelo il sacrificio di Falcone, Borsellino, Costa, Chinnici, Giuliano, Montana, Cassarà, Livatino, Scopelliti, Fava, Impastato, Grassi, Vassallo, e di tutti gli uomini delle forze dell’ordine, delle istituzioni, o semplici cittadini che hanno dato la vita per fare il proprio dovere.

Andateci a visitare questi luoghi, e tenete viva la loro memoria.

Noi non possiamo fare altro, oltre che seguire il loro esempio.

Loading Facebook Comments ...

Rispondi