Io non c’entro

«I rifiuti di Napoli hanno un nome e un cognome – grida dal palco Berlusconi – Rosa Russo Jervolino». E’ il sindaco, in sostanza, il primo responsabile dell’emergenza che si è ripresentata. «La prossima settimana – annuncia il premier – andrò con Bertolaso a Napoli a risolvere la situazione».

E di chi poteva essere la colpa di tutto questo, se non di qualcun altro? Nella fattispecie del sindaco di Napoli, reo di non riuscire ad organizzare la raccolta differenziata.

Nuova immagine
Come se i problemi della monnezza di Napoli e della Campania tutta si risolvessero con la differenziata.
Intanto le discariche si riempiono.
Intanto i siti militarizzati sono svincolati dal rispetto delle norme ambientali, e chissà cosa sta raggiungendo le falde acquifere.
Intanto l'inceneritore di Acerra funziona per un terzo, e la linea che funzione brucia anche l'umido, e chissà cosa stanno respirando le persone che abitano nei dintorni.
Intanto la camorra continua a fare affari, e a soffiare sul fuoco dell'esasperazione dei cittadini.
Intanto Cosentino è ancora coordinatore del PdL in Campania.
Intanto.

Loading Facebook Comments ...

Rispondi