La bellezza violentata di Bagheria (e non solo)

Trascorro buona parte delle mie ferie in Sicilia, principalmente a Bagheria ma non solo, dal 2011. Ho la fortuna di avere la moglie che ha qui tutta la sua famiglia, persone generose, amorevoli e cordiali come ne ho incontrate molte, qui e in tutto il sud Italia.

Parlo di sud, e di Sicilia, e di Bagheria, perché sembra quasi che più la natura abbia concesso a queste terre bellezze sconfinate, più questa stessa bellezza sia destinata a combattere tra brutture, miserie, indifferenza.
Dal 2011 ho visto all’opera a Bagheria amministrazioni di centrodestra, centrosinistra e del M5S. Ma la sensazione di tristezza che mi pervade quando percorro le sue strade è la medesima da sei anni a questa parte. In un Comune complesso come Bagheria posso immaginare che i problemi siano innumerevoli, al pari di tanti comuni, del sud, del centro e del nord: disuguaglianze crescenti, mancanza di fondi per il sociale e per i servizi essenziali, scuole e strutture pubbliche fatiscenti, manutenzione ordinaria degli spazi comuni al limite dell’impossibile. Quindi la mancanza di pulizia nelle strade e la carenza nella raccolta dei rifiuti sono disservizi che si sommano ad altri disservizi che probabilmente hanno un impatto ancora più negativo sulla comunità bagherese. Però proprio perché la sporcizia finisci per avercela sempre sotto gli occhi, e costituisce quel manto che ricopre tutta la bellezza che ha baciato queste terre, allora ti chiedi come è possibile che non si riesca nemmeno a spazzare le strade.

20160825_114525

20160823_125234

Conosco la storia del Coinres, degli affidamenti diretti del servizio di raccolta dei rifiuti appellandosi al 152 e non è mia intenzione esprimere giudizi sulla bontà o meno dei provvedimenti dell’amministrazione comunale. Tra qualche giorno inizierà la raccolta porta a porta e questo è sicuramente un bel segnale. Voglio sperare che si lavorerà di pari passo tanto per raccogliere i rifiuti prodotti nelle case dei cittadini quanto per dare alle strade della città quel decoro che Bagheria merita. Mi si dirà che le persone sono “vastase”. Certo, vastasi ce ne sono, ma probabilmente c’è, in via prioritaria, l’esigenza di far riappropriare le persone, vastase o meno, dell’idea della bellezza. Perché qua sembra che al brutto si siano abituati tutti, ma proprio tutti. È normale zigzagare tra la sporcizia, come lo è vedere persone che guidano senza casco, come lo è costruire abusivamente su coste meravigliose o in campagne feconde di frutti, come lo è l’indifferenza nei confronti della mafia e delle sue attività imprenditoriali.
Bellezza e legalità, le due parole d’ordine per creare una nuova coscienza collettiva. Sono percorsi lunghi e tortuosi, che si compiono in lustri, in decenni. Ma i semi prima o poi vanno gettati.
Spero vivamente di poter constatare con i miei occhi, tornando qui negli anni prossimi, un cambiamento reale.

Questa terra, e con le tutte le persone per bene che la abitano, se lo merita.

p.s. Le foto ritraggono due strade a caso che percorro a piedi per andare in edicola la mattina. Ne avrei potute aggiungere molte altre, ma va bene così, purtroppo.

Loading Facebook Comments ...

Rispondi