Opere pubbliche e mobilità in provincia di Latina (e nel Lazio)

no autostrada

Non mi piace l’autocitazione, ma per una volta derogo. Ho parlato più volte dell’Autostrada Roma-Latina e dalla bretella Cisterna-Valmontone. Ne feci un punto del programma con il quale mi presentai alle parlamentarie del PD in provincia di Latina. Fu molto più convincente di me chi l’autostrada e la bretella l’ha sempre fortemente voluta, Con Fabio abbiamo provato a dar voce ad un’idea di mobilità diversa, anche durante la campagna elettorale per le elezioni regionali.

Arrivano adesso anche le perplessità dei costruttori (!), che avrebbero tutto l’interesse a costruirla, un’infrastruttura del genere. E invece chiedono a Zingaretti e Renzi di ripensare l’opera.

Mi associo alla richiesta, e la estendo agli esponenti del PD della provincia di Latina che hanno sempre sponsorizzato entusiasticamente l’opera. E li invito a ripensare la mobilità nella provincia pontina e nella regione Lazio.

Repetita iuvant.

Queste le priorità:

Messa in sicurezza della Pontina (che costerebbe molto ma molto meno della spesa prevista per la realizzazione dell’Autostrada).

Metro leggera di superficie per portare i pendolari a Roma.

Realizzazione della gronda merci che libererebbe tracce per i treni sul reticolo ferroviario romano per i treni passeggeri.

Chiusura dell’anello ferroviario di Roma.

Utilizzazione dell’asse AV/AC Torino-Milano-Bologna-Firenze-Roma-Napoli-Salerno per il trasporto merci in orario notturno (attualmente le linee AV esistenti è praticamente inutilizzata per il trasporto merci, nonostante i modelli di esercizio di progetto prevedesse il transito di  treni cosiddetti “Merci AV”)

Valorizzazione delle bellezze artistiche, culturali, paesaggistiche dell’agro romano e dell’agro pontino.

Autostrade informatiche per mettere in contatto domanda e offerta di cultura, in tutti i sensi.

Ne parliamo, allora?

Loading Facebook Comments ...

Rispondi