Rimborso, finanziamento, nulla o cosa?

Sia chiaro: l’attuale sistema di finanziamento pubblico ai partiti o di finanziamenti camuffati da rimborsi (che ricordo esistere, comunque, nella maggior parte dei paesi europei) non mi piace e va cambiato. Ci sono varie proposte in campo, e una che potrebbe funzionare è la variante Civati all’ipotesi Tocci, nel giorno in cui i “renziani” presentano la loro proposta di legge per abolire i rimborsi ai partiti. Pur apprezzando la trasparenza nell’indicare i finanziatori, il “sistema Renzi” non mi convince fino in fondo. Perchè si finanzia una persona e non un partito in occasione delle campagne elettorali, e al netto del taglio, per certi versi necessario,  alle persone che “vivono” di politica (spesso con stipendi assolutamente in linea con impiegati statali, peraltro), la politica vive tutto l’anno, non solo in campagna elettorale. E perchè non si eliminano i rischi di pressioni lobbystiche. E poi, se la campagna elettorale costa meno delle donazioni ricevute, i soldi si restituiscono ai donatori?

Loading Facebook Comments ...

Rispondi