Archivi tag: Angelo Vassallo

10 idee (e anche più) per Minturno

IMG_0890

Ho messo a disposizione della lista Il Giglio e della coalizione Primavera Minturnese il mio modestissimo contributo per le elezioni amministrative di Minturno.

È per me un piacere, un onore e una responsabilità dare una mano all’amico Italo Erminio di Nora, al candidato a Sindaco Francesco Valerio e all’intera coalizione.

Il Giglio è la lista civica che nasce dall’impegno di Dario Vassallo, fratello di Angelo Vassallo, sindaco pescatore del PD ucciso a Pollica nel 2010. Da sei anni Dario e il fratello Massimo girano l’Italia in nome di Angelo, parlando di legalità e di ambiente.

Anche a Minturno c’è bisogno di tornare a parlare di legalità e di ambiente. Ma non solo.

Nel 1993 Minturno visse la prima elezione diretta del Sindaco. Era anche la prima campagna elettorale alla quale ho partecipato e durante la quale mi spesi a sostegno del compagno Ciccio Sparagna. Già all’epoca Ciccio insisteva su un punto che spiegava con un paragone: se in una azienda si portano i libri contabili in tribunale i dirigenti di quella azienda si dimettono, vengono cacciati, vanno via. E invitava gli elettori a cacciare una classe dirigente che aveva, già all’epoca, portato Minturno al disastro finanziario, politico, culturale, amministrativo.

Sono passati 23 anni dal quel 1993 e mi sembra che la situazione non sia cambiata di una virgola. Anzi si, è cambiata in peggio. Ancora oggi una classe dirigente, tutta, che ha governato il Comune di Minturno negli ultimi anni, o che è appartenuta a filiere di governo che legano Regione-Provincia-Comune, chiede nuovamente fiducia agli elettori nonostante i disastri finanziari, politici, culturali, amministrativi. Chiede nuovamente la fiducia benché abbia sottratto alle cittadine e ai cittadini di Minturno il bene più prezioso: la libertà di scegliere. Perché un elettorato tenuto ostaggio dello scambio tra voti e favori, un sistema che si alimenta della commistione tra interessi pubblici e privati finisce per togliere alle persone la dignità.

Io spero che da queste elezioni arrivi finalmente un segnale forte di speranza per il recupero della libertà e della dignità delle cittadine e dei cittadini.

Minturno è stato spesso laboratorio politico che ha anticipato tendenze nazionali, e anche in questa tornata elettorale tale vocazione sembra confermata, nel male e nel bene. Nel male (politico, sia chiaro) della coalizione PD-centrica che è già Partito della Nazione. Nel male (sempre politico) delle destre divise in quattro ma pronte a riunirsi in nome della ri-conquista del potere. Nel male (vedi sopra) del M5S chiuso nel suo splendido isolamento, timoroso di contaminarsi con chiunque.

E nel bene di un laboratorio a sinistra che, a livello locale come a livello nazionale, prova a costruire una comunità di donne e uomini, di giovani e meno giovani che provengono da storie diverse ma che hanno un obiettivo comune: mettere al centro del dibattito politico le persone, i beni comuni, l’ambiente, la legalità.

Condivido in pieno, quindi, il percorso della coalizione Primavera Minturnese e sposo in toto il programma del candidato a Sindaco Francesco Valerio e della lista Il Giglio.

Mi permetto di personalizzare qualche punto programmatico.

Se avessi l’opportunità di partecipare alla vita amministrativa del Comune metterei al primissimo posto l’attenzione per il mare, la sua pulizia, la sua fruibilità, il suo corretto utilizzo. Poi la culturaE quindi mi spenderei (non necessariamente in questo ordine) per:

1. Realizzare il progetto della pista ciclabile elaborato dal CoSMoS

2. Promuovere progetti scolastici di educazione al rifiuto dell’omofobia, della transfobia, della discriminazione sulla base di orientamento sessuale e religioso

3. Sottrarre alla SOES la gestione dei parcheggi e rimodulare la sosta tariffata

4. Far uscire il Comune da Acqualatina

5. Inserire il comprensorio archeologico di Minturnae e il centro storico di Minturno nei circuiti internazionali della crocieristica

6. Introdurre la raccolta differenziata porta a porta

7. Installare illuminazione pubblica a LED e impianti fotovoltaici su tutti gli edifici pubblici

8. Realizzare una catena di alberghi diffusi su tutto il territorio comunale per elevare il livello di domanda e di offerta turistica

9. Liberare il territorio comunale delle slot-machines e dalle sale scommesse

10. Coinvolgere le facoltà di architettura degli atenei di Roma e Napoli per elaborare un progetto di recupero delle SIECI, sottratte finalmente all’ISMEF

Poi si potrebbe continuare con il rilancio dell’edilizia conservativa, residenziale e scolastica, la qualità dei servizi dell’amministrazione, il wi-fi gratuito e libero per tutti, la fruibilità del verde pubblico, la sicurezza delle strade. E di sicuro ho dimenticato qualcosa.

Buon voto a tutte e a tutti.

A Minturno il cambiamento muove i primi passi

Minturno-Veduta-aerea

Non sono nato a Minturno, ma ho vissuto lì dal lontano 1974. Poi l’università, il lavoro, le esigenze familiari mi hanno portato un po’ in giro fino a stabilirmi a Roma. Ma a Minturno ho i miei genitori. A Minturno ho tante persone che mi sono davvero care. A Minturno ho iniziato a seguire un po’ la politica, a volte a distanza, a volte con maggiore presenza. Se navigate tra le pagine di questo piccolissimo blog troverete qualcosa sull’argomento. Normale, quindi, che continui ad interessarmi del paesello, a seguire le sue vicende politiche, sociali e quello che bolle in pentola in vista delle prossime elezioni amministrative.

Anche a Minturno, infatti, si torna al voto, vista la chiusura anticipata del terzo mandato dell’ex sindaco Paolo Graziano.

Anche a Minturno è necessaria una rivoluzione a 360°, culturale prima che politica. Una rivoluzione che porti con sé l’azzeramento dei partiti e delle classi dirigenti che hanno, a vario titolo, (s)governato negli ultimi vent’anni. Occorre liberare le energie presenti tra i cittadini e nei movimenti civici impegnati nel campo sociale, nel campo culturale e da lì ripartire per presentare una proposta di governo che metta la centro della propria azione legalità, trasparenza, competenza, solidarietà, rispetto dell’ambiente. Non è più tempo delle minestre riscaldate, del “non ci sono alternative”, del “fidatevi di me”.

Minturno questo tempo non ce l’ha più.

Fortunatamente qualcosa si muove. È dei giorni scorsi la nascita del movimento “il Giglio – Legalità e Giustizia” con il contributo dell’amico Erminio Italo di Nora, da sempre impegnato nel mondo del volontariato.

Vi riporto integralmente il testo del suo comunicato (potete trovarlo anche su www.erminiodinora.com), visto che non ha ancora trovato vasta eco sulla rete.

Erminio Italo Di Nora è in prima linea per la presentazione del movimento civico “Il Giglio Legalità e Giustizia” fondato da un gruppo di giovani e meno giovani, molti dei quali già attivi nel mondo del volontariato, ed ispirato alla memoria di Angelo Vassallo, Sindaco Pescatore assassinato nella città di Acciaroli che per anni ha governato.

“Ho scelto di sostenere le richieste dei miei concittadini perché in loro rivedo l’entusiasmo e la voglia di fare che da anni oramai non appartiene più a gran parte della classe dirigente nazionale e locale”, dichiara Erminio Di Nora.

Il simbolo del giglio è stato scelto dai volontari del movimento come segno di riconoscimento, richiama il fiore che lo stesso Angelo Vassallo più volte ha utilizzato come paragone per richiamare alla purezza dei valori ed integrità morale su cui si è basato tutto il suo impegno politico.

“Siamo aperti – prosegue Di Nora – a condividere lo spirito del nostro impegno e il programma politico da completare insieme a coloro che si riconosceranno in uno stile di vita permeato da Dignità e Rispetto, Giustizia e Legalità, ….. La squadra sarà quella che insieme sceglieremo, fatta di persone e di competenze e non di scambi e di promesse. Durante questi anni con la Fondazione Vassallo abbiamo fatto un percorso comune legato alla tutela del mare e dell’ecosistema marino, alla sensibilizzazione nelle scuole di un percorso di legalità, unendo il disagio sociale alla volontà di tutelare e presidiare la bellezza, cercando di far venire allo scoperto alcuni temi spesso ai più sconosciuti e che sono anche vicini agli anziani e alle famiglie che dentro le quattro mura vivono la loro sofferenza”.

E’ ora che i pensanti comincino il loro percorso cercando di fare, di realizzare qualcosa, di proporre, di prendere per mano chi non sa dove andare per non farlo sentire più solo.

Auspico che questo sia il primo passo in direzione della costituzione di una aggregazione più ampia che veda coinvolti, direttamente o tramite propri attivisti, tutti i soggetti che in quest anni hanno operato nel campo del sociale, del volontariato, della mobilità sostenibile, della cultura, della legalità e che comunque non hanno avuto responsabilità nel governo del comune.

Come sempre, vi terrò aggiornati.