Archivi tag: internazionale

Bambini cresciuti in fretta.

Siamo dall'altra parte del Mediterraneo. Il conflitto israelo-palestinese è ancora lungi dal vedere una conclusione, nonostante gli sforzi dell'amministrazione Obama.
I Palestinesi hanno diritto ad avere una terra.
Gli Israeliani hanno diritto a vivere in pace.
Ma la mancanza di umanità della polizia israeliana continua a lasciarmi senza parole.

122912043-febb0ee5-b1df-47dd-add5-c37815d6d0e5

Fermiamo il boia in Iran

Hossein Derakshan è il nome del blogger iraniano che rischia, molto seriamente, di vedere eseguita la condanna a morte inflittagli da un tribunale del regime. Per i suoi familiari la sua colpa è quella di "aver insegnato agli iraniani a bloggare", mentre l'accusa è di “collaborare con stati nemici, aver fatto propaganda contro il regime, aver oltraggiato l’Islam e aver aiutato gruppi anti-rivoluzionari”.
Leggete la sua storia qui.
E firmate la petizione.

hossein1
 

That’s all folks!

Mi sa che nemmeno Tom e Jerry crederebbero alla frase che chiude le loro gag, se sapessero che è riferita allo show che Gheddafi sta facendo in Italia.
Ma quale altro Paese serio avrebbe consentito al leader libico di fare quello che sta facendo qui da noi?

11007805568900_1

Un passo avanti

"Agli immigranti del mondo intero che hanno spirito d'iniziativa, noi dobbiamo dire: venite in America, vi accoglieremo a braccia aperte".
"Chiudere le porte agli immigrati sarebbe il suicidio di questa nazione"
Michael Bloomberg – Sindaco di New York

immigration

Il resto lo trovate qui.

Parole sagge

Nessuna spiegazione può giustificare o mascherare il crimine commesso da Israele e nessun pretesto può  motivare l'idiozia del suo governo e del suo esercito. Israele non ha inviato i suoi soldati a uccidere civili a sangue freddo, in pratica era l'ultima cosa che voleva che accadesse, eppure una piccola organizzazione turca, dall'ideologia fanatica e religiosa, ostile a Israele, ha arruolato alcune centinaia di pacifisti ed è riuscita a fare cadere lo Stato ebraico in una trappola proprio perché sapeva come avrebbe reagito e fino a che punto era condannato, come una marionetta, a fare ciò che ha fatto.
Quanto deve sentirsi insicura, confusa e spaventata una nazione per comportarsi come ha fatto Israele! Ricorrendo a un uso esagerato della forza (malgrado aspirasse a limitare la portata della reazione dei presenti sulla nave) ha ucciso e ferito civili al di fuori delle proprie acque territoriali comportandosi come una masnada di pirati. È chiaro che queste mie parole non esprimono assolutamente consenso alle motivazioni, nascoste o evidenti – e talvolta malvagie – di alcuni dei partecipanti al convoglio diretto a Gaza. Non tutti sono pacifisti animati da intenzioni umanitarie e le dichiarazioni di alcuni di loro riguardanti la distruzione dello stato di Israele sono infami. Ma tutto questo ora è irrilevante: queste opinioni non prevedono, per quanto si sappia, la pena di morte.
L'azione compiuta da Israele ieri sera non è che la continuazione del prolungato e ignobile blocco alla striscia di Gaza, il quale, a sua volta, non è che il prosieguo naturale dell'approccio aggressivo e arrogante del governo israeliano, pronto a rendere impossibile la vita di un milione e mezzo di innocenti nella striscia di Gaza pur di ottenere la liberazione di un unico soldato tenuto prigioniero, per quanto caro e amato. Il blocco è anche la continuazione naturale di una linea politica fossilizzata e goffa che a ogni bivio decisionale e ogni qualvolta servono cervello, sensibilità e creatività, ricorre a una forza enorme, esagerata, come se questa fosse l'unica scelta possibile.
E in qualche modo tutte queste stoltezze – compresa l'operazione assurda e letale di ieri notte – sembrano far parte di un processo di corruzione che si fa sempre più diffuso in Israele. Si ha la sensazione che le strutture governative siano unte, guaste. Che forse, a causa dell'ansia provocata dalle loro azioni, dai loro errori negli ultimi decenni, dalla disperazione di sciogliere un nodo sempre più intricato, queste strutture divengano sempre più fossilizzate, sempre più refrattarie alle sfide di una realtà complessa e delicata, che perdano la freschezza, l'originalità e la creatività che un tempo le caratterizzavano, che caratterizzavano tutto Israele. Il blocco della striscia di Gaza è fallito. È fallito già da quattro anni.
Non solo tale blocco è immorale, non è nemmeno efficace, non fa che peggiorare la situazione, come abbiamo potuto constatare in queste ore, e danneggia gravemente anche Israele. I crimini dei leader di Hamas che tengono in ostaggio Gilad Shalit da quattro anni a questa parte senza che abbia ricevuto nemmeno una visita dai rappresentanti della Croce Rossa, che hanno lanciato migliaia di razzi verso i centri abitati israeliani, vanno affrontati per vie legali, con ogni mezzo giuridico a disposizione di uno stato. Il prolungato isolamento di una popolazione civile non è uno di questi mezzi. Vorrei poter credere che il trauma per la sconsiderata azione di ieri ci porti a riesaminare tutta questa idea del blocco e a liberare finalmente i palestinesi dalla loro sofferenza e Israele da questa macchia. Ma la nostra esperienza in questa regione sciagurata ci insegna che accadrà invece il contrario: che i meccanismi della violenza, della rappresaglia e il cerchio della vendetta e dell'odio ieri hanno ricominciato a girare e ancora non possiamo immaginare con quale forza.
Ma più di ogni altra cosa questa folle operazione rivela fino a che punto è arrivato Israele. Non vale la pena di sprecare parole. Chi ha occhi per vedere capisce e sente. Non c'è dubbio che entro poche ore ci sarà chi si affretterà a trasformare il senso di colpa (naturale e giustificato) di molti israeliani, in vocianti accuse a tutto il mondo.

Con la vergogna, comunque, faremo un po' più fatica a venire a patti.

David Grossman