Contenti?

Ed eccoci qui, a pochi giorni dall’inizio dell’era del ringiovanimento italiano, a prendere atto di una tripla mossa di illusionismo parlamentare. Quell’Italicum il cui pirotecnico passaggio è stato fin qui la base per giustificare l’arrivo al potere senza voto del Premier, proprio quell’Italicum eccolo cadere e rinascere modificato in altra forma e in altri scopi ancora prima che arrivasse in discussione alla Camera. E con un accordo ancora una volta fatto senza nessun ruolo dei parlamentari, ma per vie dirette fra il premier stesso, Alfano e Berlusconi.

Pratica molto tradizionale, non vi pare?, questi rapporti fra vertici di partito. E non mi dite che si è sempre fatto così perché questo è esattamente il punto: Renzi aveva promesso a tutto il paese di rottamare la vecchia politica, di cambiare il modo di far funzionare il paese, per questo ha vinto le primarie. La soluzione finale di questi accordi è stata – e non sorprende – la produzione di una di quelle immaginifiche formule tanto in voga in tutte le nostre varie repubbliche: una legge elettorale che vale solo per una camera “tanto il Senato lo dobbiamo abolire”, un “Italicum a metà” che degnamente può compararsi all’audacia intellettuale delle “convergenze parallele”.

È un bellissimo salto mortale, una splendida manovra parlamentare per ottenere tutto e non pagare prezzo. Il sogno, insomma, di ogni leader politico da quando la politica ha cominciato a camminare. Renzi si conferma così ogni giorno un po’ di più un leader tradizionale. Dopo aver promesso di cambiare il sistema, rottamare la vecchia politica, è arrivato al potere senza il voto, per poi prolungare a colpi di manovre parlamentari la sua permanenza in questo potere. I renziani che hanno creduto in lui, i cittadini che gli hanno dato fiducia (io tra questi) sono (siamo) contenti?

Lucia Annunziata, Huffington Post

Loading Facebook Comments ...

Rispondi